fbpx
Seleziona una pagina

Sapevi che puoi localizzare i mezzi e le attrezzature grazie a servizi di asset tracking? Se vuoi saperne di più continua a leggere l’articolo, ti spiegheremo come il tracciamento degli asset può impattare positivamente sulla tua azienda.

Già 5 anni fa Teamax (gruppo Emax) ha sviluppato Team il primo software per la localizzazione GPS di mezzi e il tracking delle attrezzature e dei DPI. Dalla costola di Team oggi nasce GeoTag, un applicativo web e mobile rivolto all’imprenditore che vuole monitorare i mezzi e le attrezzature.

Cosa è possibile monitorare con GeoTag?

  • Che non avvengano furti di gasolio
  • La posizione GPS dei mezzi real time e i percorsi fatti (con relative pause)
  • Lo stile di guida degli autisti
  • La localizzazione delle attrezzature (vedremo tra poco come)

Prima di spiegare nel dettaglio come fare tutte queste cose però è necessario capire perché nel 2022 è necessario il tracking degli asset aziendali.

In questo periodo di instabilità economica ciò che è fondamentale per gli imprenditori è avere abbastanza liquidità per affrontare i possibili imprevisti. Se non puoi (o vuoi) aumentare i prezzi è chiaro che ciò che rimane da fare è diminuire i costi.

Stando a fianco delle aziende che tutti i giorni lavorano in cantiere ci siamo resi conto che la gestione degli asset spesso non viene considerata come importante e ciò comporta la presenza di costi superflui. GeoTag nasce per facilitare ad imprenditori e dirigenti la gestione di mezzi e attrezzature sotto il profilo dei costi.

Come funziona il tracciamento dei mezzi

Il tracking dei mezzi viene fatto tramite centraline GPS, le più comuni sono di tipo OBD (ma ne disponiamo di tanti tipi per usarle anche sui mezzi più obsoleti). Collegando la centralina alla presa, il nostro software rileva:

  •  la geolocalizzazione real time
  • le pause e lo stile di guida dell’autista
  • i livelli di carburante
  • la temperatura dell’olio, ecc

I dati vengono rielaborati e proposti all’utente in forma di mappa o grafico. Prendendo come esempio uno dei dubbi più grandi degli imprenditori che possiedono una discreta flotta aziendale, ovvero se qualcuno ruba loro il carburante, ecco qui sotto un grafico che mostra come capire immediatamente, grazie a GeoTag, se avvengono furti.

Dopo aver selezionato uno o più mezzi appare il consumo di carburante rapportato ai giorni di utilizzo del mezzo e ai km percorsi. Quando l’autista immette gasolio nel serbatoio il grafico registra un picco positivo (segnato in verde). Cliccando sul picco, il software comunica anche i litri esatti inseriti nel serbatoio. Questo dato può essere confrontato con quello riportato sulla carta carburante. Infatti se viene rilevato un aumento, ad esempio, di 60 litri ma nella carta carburante ne vengono segnati 70, probabilmente qualcuno si è appropriato in maniera fraudolenta di 10 litri di gasolio.

Allo stesso modo in cui vengono rilevati i picchi positivi di carburante vengono rilevati anche quelli negativi. Pertanto se qualcuno preleva il carburante direttamente dal mezzo il grafico lo segnala immediatamente.

Le centraline funzionano tramite connessione a internet e vengono fornite con scheda sim multi-operatore e traffico dati incluso nell’offerta.

La localizzazione delle attrezzature

Anche se tenere traccia dei mezzi è fondamentale, riteniamo che il vero valore aggiunto offerto da GeoTag sia il tracciamento e la localizzazione delle attrezzature.

Quante volte capita alle vostre squadre di non portare con sé gli utensili adatti allo svolgimento del lavoro e di dover poi aspettare che qualcuno dall’ufficio li raggiunga con l’attrezzo per poter cominciare a lavorare? Se queste parole vi tornano familiari vuol dire che state perdendo soldi.

Tuttavia il vero costo sconcertante è quello derivante dallo smarrimento delle attrezzature. Si stima che il 30% degli acquisti venga fatto solo perché non si trovano più gli utensili vecchi. Ciò vuol dire che il 30% dei costi annui di acquisto potrebbero essere evitati se solo ci fosse una gestione organizzata delle risorse.

Come avviene il tracking?

Grazie a dei piccoli oggetti (TAG) dotati di tecnologia bluetooth installati tramite fascette in plastica (vedi foto), essi sono forniti di batteria che dura circa 2 anni e resistono a:

  • oli
  • polvere
  • acqua
  • calpestamento.

Il tracking degli attrezzi avviene tramite tecnologia “geofence”: in sostanza essi non vengono geolocalizzati direttamente ma usufruiscono del GPS della centralina. Il funzionamento è il seguente: la centralina GPS collegata al mezzo esegue costantemente delle scansioni bluetooth, quando “incontra” il segnale del TAG il software registra la posizione geografica dell’attrezzatura che si trova in prossimità del veicolo.

Gli operai grazie a questo sistema possono effettuare dall’app, prima di partire dalla base, un check degli attrezzi presenti sul mezzo e accorgersi subito se stanno dimenticando qualcosa. Lo stesso meccanismo funziona quando ripartono dal cantiere per tornare alla base, in questo modo si evita sia di dimenticare l’attrezzo che di smarrirlo.

Inoltre, è sempre possibile controllare da desktop o smartphone dove è stato localizzato l’ultima volta un oggetto e chi era la persona responsabile a cui è stato affidato.

A tal proposito abbiamo tenuto un webinar dove abbiamo mostrato l’app e presentato il prodotto, se vuoi vedere la registrazione video clicca qui

Se invece vuoi richiedere maggiori informazioni visita la pagina web di GeoTag cliccando qui e lascia i tuoi recapito dal form che trovi in fondo, oppure contatta la nostra segreteria:

📞Tel: +39 0438 1840251
📧email: info@teamax.srl – info@emaxsrl.com 

Apri chat